Sere d'estate al museo: 3 ore a 3 euro - 15 luglio 2017

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Villa Poniatowski

15 luglio , 2017 - apertura prolungata visite guidate

Sere d'estate a Villa Giulia 2017

Sere d'estate al Museo: 3 ore a 3 euro

Apertura serale straordinaria di Villa Giulia e di Villa Poniatowski

Iniziano sabato 15 luglio le aperture serali straordinarie del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia con un'estensione dell'orario fino alle 22.30.

Il biglietto, eccezionalmente scontato a 3 euro (ridotto a 1,50 per i cittadini dell'Unione europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni e gli altri aventi diritto), è acquistabile a partire dalle 19.00 e fino alle 21,30.

L'ingresso è gratuito per i minorenni e gli altri aventi diritto e per i titolari del nostro speciale abbonamento annuale al Museo.

Nel biglietto di ingresso sono comprese visite tematiche gratuite secondo il seguente programma:

ore 19.30; 20.30; 21.30:

Il racconto della villa (a cura di Luca Mazzocco). Introduzione alla villa di Papa Giulio III (1550-1555), alla cui realizzazione parteciparono i più grandi artisti del tempo: Giorgio Vasari, Jacopo Barozzi da Vignola, Bartolomeo Ammannati, Pietro Venale da Imola, Taddeo Zuccari e Prospero Fontana. Il visitatore potrà in tal modo apprezzare le caratteristiche architettoniche e decorative di questo straordinario complesso caratterizzato per altro dal magnifico ninfeo, il primo "teatro d'acque" di Roma, alimentato da una canalizzazione dell'Acquedotto Vergine, di età romana.

ore 20.00; 21.00:

Alla scoperta di Villa Poniatowski (a cura di Francesca Licordari) (prenotazione obbligatoria per gruppi max. 25 persone a turno: mn-etru.comunicazione@beniculturali.it precisando orario prescelto e numero di persone da prenotare). Il visitatore verrà guidato alla scoperta della splendida villa costruita nella seconda metà del XVI secolo e ristrutturata alla fine del Settecento da Giuseppe Valadier su commissione di Stanislao Poniatowski, nipote dell'ultimo re di Polonia. All'interno sono esposte le antichità provenienti dall'Umbria (Terni, Gualdo Tadino e Todi) e dal Lazio antico (in particolare da Satricum e da Palestrina con i sontuosi corredi delle tombe Barberini e Bernardini).

ore 20.15; 21.15

Gli Ori Castellani (a cura di Maria Paola Guidobaldi). Il racconto delle straordinarie creazioni di oreficeria della famiglia Castellani e della loro collezione di antichità, donata al Museo di Villa Giulia il 22 gennaio del 1919, con un approfondimento sulla vicenda del furto del 2013 e del suo insperato lieto fine grazie all'azione del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dell'Arma deiCarabinieri. I gioielli di recente recuperati e restituiti al museo sono ora eccezionalmente esposti nella Sala di Venere, nell'ambito della mostra "Opera Libera".

ore 19.30; 20.30

"Opera Libera": il racconto della mostra (con Sara Maria d'Onofrio e Maria Pia Bevilacqua, curatrici dell'esposizione).

La mostra, promossa da Wikimedia Italia insieme al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e EneganART, raccoglie diversi nuclei di opere che nascono dalla partecipazione attiva degli utenti in una riscoperta del patrimonio artistico, culturale e archeologico come bene appartenente a tutti. Alla base di tutti i lavori esposti sta il concetto comune di opera libera, intesa sia come contenuto svincolato da limitazioni e licenze, sia come bene culturale fisicamente fruibile da parte di chiunque e liberamente riproducibile.

 

 

Documenti da scaricare